OF_A+D

THE CONCEPT

L’architettura è spazio, materia, luce, misura. Spazio in cui si svolge la vita domestica, lavorativa, ricreativa. Materia che racchiude o esclude lo spazio. Luce che definisce le forme. Misura con cui si controllano le forme degli spazi. Fare architettura è compito arduo, bisogna sintetizzare e riunire una pluralità di elementi, rispondere a molteplici domande; il fine ultimo dell’architetto deve essere quello di creare uno spazio che possa essere vissuto, che possa diventare la scenografia della vita che si svolge quotidianamente, che possa raccontare la vita passata e anticipare quella futura. 

THE WORK

“ Dal cucchiaio alla città” (Ernesto Nathan Rogers)
Il campo di interesse della progettazione percorre trasversalmente tutti i livelli, dagli oggetti di uso quotidiano agli edifici fino ad arrivare a interventi di scala urbana.

THE NETWORK

La complesssità del mestiere dell'architetto non si risolve in una stanza chiusa agli altri. La multidisciplinarietà della realtà contemporanea impone all'architetto una relazione continua con gli altri soggetti coinvolti nella costruzione del nostro mondo, dunque le parole d'ordine sono collaborazione e condivisione. Il mio network si compone di differenti figure professionali in grado di vivere in uno spazio di coworking che ci rende competitivi e reattivi rispetto alle complesse dinamiche che governano la realtà che viviamo.

THE AREA

L'area di interesse dell'attività dello studio si concentra principalmente nell'Italia centrale, dato che il Network porta con sè un campo di interesse geografico ampio comprendendo le regioni di Abruzzo, Lazio e Marche.

OUR BELIEF

L’ idea di un architetto non è mai solo formale. Deve essere al tempo stesso sociale, scientifica e poetica.
(Renzo Piano)